Benessere

Lunedì scorso ho partecipato come ospite al programma radiofonico di Fabio Bellia, in diretta su Radio Luna Carbonia. E’ stata una piacevole occasione per parlare di psicologia, in leggerezza e in una cornice di buona musica. Abbiamo deciso di far diventare questa esperienza un appuntamento settimanale. Perciò, chi avesse piacere può ascoltarci tutti i lunedì alle 18 su Radio Luna.

Lo scorso lunedì abbiamo parlato di benessere, un tema a cui tengo molto e che ho inserito come finalità per tutte le mie attività. Noi psicologi possiamo fare tanto per aiutare le persone a raggiungere lo stato di benessere.

Wellness

Ma cosa significa benessere o wellness (per usare un inglesismo)?

Con questo termine si intende uno stato armonico di salute, un equilibrio di forze fisiche e spirituali.

Benessere significa stare bene. Star bene rappresenta uno stato che coinvolge tutti gli aspetti della vita dell’essere umano, biologico, psicologico e relazionale.

Per benessere biologico o fisico, intendiamo l’assenza di malattia, un rapporto funzionale con il cibo e l’attività fisica.

Sul benessere psicologico, negli ultimi anni, si è espressa anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), includendolo nel concetto di salute.

Dice l’OMS: gli individui devono avere la possibilità di sentirsi a proprio agio nelle circostanze che si trovano a vivere.

Secondo la definizione dell’OMS, infatti, il benessere psicologico è quello stato nel quale l’individuo è in grado di sfruttare le sue capacità cognitive o emozionali per rispondere alle esigenze quotidiane della vita di ogni giorno, stabilire relazioni soddisfacenti e mature con gli altri, adattandosi costruttivamente alle condizioni esterne e ai conflitti interni.

Relazione

Per ciò che riguarda l’aspetto relazionale, come accennato poc’anzi, appare ormai assodato che l’uomo sia un essere sociale. Per vivere necessità di relazioni. Durante la sua esistenza deve sviluppare legami stabili e duraturi, sia in ambito amicale che familiare, essere in grado di costruire attorno a sé una rete sociale in grado di sostenerlo.

Cosa possiamo fare per raggiungere il benessere?

Recentemente, gli studiosi del settore, hanno stilato una serie di requisiti da soddisfare per raggiungere lo stato di benessere psicologico. Tra questi vi sono:

  • Accettazione di sé – apprezzarsi per ciò che si è, con i propri pregi e difetti, valorizzando le caratteristiche positive accettando quelle che non ci piacciono (ma che non possiamo cambiare).
  • Autonomia – avere la capacità di resistere alle pressioni sociali esterne sia nella scelta delle azioni da compiere che nei propri pensieri
  • Padronanza del contesto – avere la capacità di padroneggiare le situazioni, cogliere tutte le opportunità che si presentano senza farsi trascinare dagli eventi o evitare di fare per paura di sbagliare.
  • Obiettivi – avere uno scopo nella vita, una direzione da seguire
  • Crescita personale – Coloro che lavorano su sé stesse sono in continuo sviluppo e raggiungono soddisfacenti livelli di autoconsapevolezza.
  • Legami – Avere legami stabili e duraturi.

Ognuno di questi elementi, racchiude in sé un concetto importante che è quello del prendersi cura di sé. Ciò che possiamo fare per star bene è proprio appropriarci di uno spazio e di un tempo che sia soltanto nostro. Dedicarci al nostro corpo, conoscere noi stessi, le nostre emozioni, chiederci “ma io cosa voglio?” “Di cosa ho bisogno?”.

Ascolta le tue emozioni

Al Lab famiglie cerchiamo di offrire uno spazio proprio in risposta all’esigenza di dedicare tempo a sé stessi e alle proprie relazioni.

Proponiamo attività leggere, spesso ludiche per l’esplorazione del proprio mondo interiore e delle relazioni, perché non necessariamente le cose importanti devono essere serie e noiose. Ci si può prender cura di sé con serenità e leggerezza e perché no, in modo piacevole e in gruppo!

Dott.ssa Daniela Podda

651total visits,1visits today